Le origine della torneria in Italia

La tornitura e le lavorazioni al tornio sono antiche quanto l’uomo e l’origine di questa disciplina affondano nei millenni in cui l’uomo ha iniziato a modellare il mondo intorno a sé.

La tornitura dei metalli, infatti, è quell’arte e quell’abilità che porta a realizzare un componente partendo da una materia prima grezza. La torneria, quindi, è quel processo destinato a dare forma (interna ed esterna) a un componente in modo che possa rispondere agli utilizzi per i quali è stato progettato. Una storia, come detto, antichissima ma sempre attuale, essendo uno dei settori industriali ancora oggi più importante e che per molti aspetti rappresenta la spina dorsale industriale ed economica di un Paese. È quindi utile e interessante scoprire com’è cambiata la torneria, dalle sue origini antiche passando per le varie fasi fino ad arrivare ai macchinari computerizzati e a controllo numerico di ultima generazione.


La storia della torneria

Le ricerche storiche e archeologiche hanno individuato un primo modello di tornio risalente al 1300 a.C. in epoca egizia. La torneria, quindi, ha millenni di storia e il primo modello di tornio, ovviamente, era alquanto semplice e basilare, ma ben esprime l’esigenza antichissima dell’uomo di lavorare i materiali che ha a disposizione e la sua capacità di ingegnarsi per ottenere i vari pezzi, componenti e attrezzi. In questa fase il tornio consentiva una prima definizione del pezzo che poi veniva successivamente perfezionato a mano. Solo con il passare dei secoli anche la tornitura ha migliorato le sue capacità consentendo di ottenere con una sola lavorazione pezzi sempre più definiti e precisi. I primissimi torni, ovviamente, erano manuali e richiedevano il lavoro di due persone: uno che si occupava di far ruotare il pezzo e l’altro che attivava l’utensile da taglio.

Le prime modifiche arrivarono in epoca romana che migliorò sensibilmente il processo di lavorazione automatizzando l’operazione di rotazione del pezzo, che avveniva tramite la pressione di un pedale. L’evoluzione più significativa arrivò in epoca medievale quando la torneria si diffuse in tutta Europa ottenendo successo e, parallelamente, anche un maggior investimento tale da migliorare la tecnologia sottostante. L’ulteriore salto di qualità arrivò con la rivoluzione industriale dove si ottimizzò il modello del tornio parallelo. I modelli di tornio che oggi vengono utilizzati nella torneria risalgono alla fine del Settecento con l’introduzione della macchina a vapore e la prima vera automazione di questa macchina utensile.

Negli ultimi decenni, poi, la tornitura ha conosciuto un’ulteriore evoluzione e perfezionamento grazie alla digitalizzazione e la computerizzazione delle fasi di lavorazione. Oggi la torneria è detta a controllo numerico, ovvero guidata da un computer che si occupa di misurare e controllare i vari organi della macchina utensile. La qualità, la precisione e la velocità di esecuzione di un tornio a controllo numerico è estremamente maggiore rispetto a quella di un tornio tradizionale, ma il principio alla base di questa tecnologia resta sempre il medesimo, confermando l’importanza di una tecnica fondamentale per tantissimi settori.


Emmegi Spa: una torneria storica

In questa storia millenaria della torneria c’è la storia decennale della Emmegi Spa, un vero e proprio punto di riferimento a livello nazionale, ma anche internazionale. Una torneria che si è saputa rinnovare negli strumenti e nei processi aziendali, ma che è rimasta sempre fedele alla sua identità. Un’identità votata alla produzione di minuterie metalliche tornite che da più di quarant’anni si contraddistingue per precisione, passione, affidabilità e qualità.

Un lavoro di costante perfezionamento orientato al costante miglioramento e alla valorizzazione delle professionalità dei collaboratori che nel corso di questi decenni hanno reso la Emmegi Spa la realtà che tutti conoscono. Una realtà che ha fatto della sua dimensione umana il suo segreto, la chiave del successo. Perché la Emmegi Spa è una famiglia di persone, di collaboratori che lavorano tutti i giorni con l’interesse e la passione di fare bene. Un obiettivo che anima tutti i settori dell’azienda, dalla torneria alla direzione, passando per i vari reparti del controllo qualità e quelli dedicati alla gestione delle materie prime. Perché un successo di questo tipo e la capacità di diventare e rimanere un punto di riferimento a livello nazionale ed europeo non è improvvisato, ma figlio della capacità, dell’impegno e della costante attenzione a tutte le novità del settore.


Emmegi TORNERIA nasce nel 1977 nell’entroterra marchigiano, specializzata nella produzione di minuterie metalliche tornite in ottone per la realizzazione di particolari su specifiche del cliente. Ha costruito con impegno e competenza una solida affidabilità nella gestione del sistema raggiungendo negli anni la UNI EN ISO 9001:2015 e la UNI EN ISO 14001:2015.

Software personalizzati in base alle esigenze aziendali, sono utilizzati per migliorare i processi di supporto tecnico (quali la realizzazione di particolari da disegno o da campione in CAD), i processi di verifica dell’idoneità dei materiali e delle attrezzature impiegate, ed i processi di monitoraggio dell’efficienza del processo aziendale.

Altro in questa categoria: « Tornitore: cosa fa e come diventarlo
  • Indirizzo: Zona Ind.le Pianvolpello, 21 60010 Castelleone di Suasa (AN)
  • Tel: (+39) 071.966723
  • Fax: (+39) 071.966626
  • E-mail: info@emmegispa.eu